martedì 13 settembre 2016

Il 29 settembre a Genova appuntamento con TECNO-LOGICA, evento organizzato da Parametric Design, PTC e IIT-Istituto Italiano di Tecnologia



L’evento celebra la collaborazione tra le tre realtà, che ha portato alla realizzazione dei robot iCub e R1

PTC (NASDAQ: PTC) partecipa a TECNO-LOGICA, l’evento organizzato in collaborazione con Parametric Design e con IIT-Istituto Italiano di Tecnologia in programma per giovedì 29 settembre a Genova presso la sede di IIT.

Focus dell’incontro sarà la collaborazione strategica che da anni lega PTC, Parametric Design e IIT e che ha portato allo sviluppo di soluzioni robotiche all’avanguardia come iCub, “cucciolo” di robot creato da IIT, e R1, robot “domestico” sviluppato sempre da IIT e pensato per operare in ambienti domestici e professionali.

Le soluzioni di PTC e la partnership con Parametric Design sono state determinanti nel fornire un supporto per la realizzazione e la prototipazione di R1, soprattutto per quanto riguarda la progettazione dei movimenti di torso, testa e della cover in materiale plastico del robot.

La mattinata inizierà con gli interventi di IIT, Parametric Design e PTC a cui seguiranno due sessioni in cui si evidenzierà l’apporto concreto delle soluzioni PTC alla realizzazione  di iCub e R1.
Nel pomeriggio è prevista una visita al laboratorio iCub Facility dove Stefano Rinaldi, General Manager PTC Italia, e Fabrizio Ferro, Technical Sales & Business Development Director, daranno una dimostrazione concreta dell’approccio dell’azienda alla realtà aumentata interfacciandosi con iCub, il piccolo robot umanoide.
Parametric Design spiegherà l’efficacia delle soluzioni PTC nella progettazione e nel mantenimento degli apparati meccanici, meccatronici e cibernetici di iCub mentre IIT testimonierà come la partnership con Parametric Design e PTC sia stata determinante per il raggiungimento dei risultati mostrati.

L’agenda completa e ulteriori informazioni sono disponibili a questo link

lunedì 12 settembre 2016

NX di Siemens compie un’altra rivoluzione nella progettazione con il Convergent Modeling



La nuova versione del software NX™ di Siemens (NX 11) segna una nuova svolta nello sviluppo digitale dei prodotti con la tecnologia Convergent Modeling, un nuovo paradigma di modellazione che semplifica notevolmente il lavoro su geometrie costituite da un insieme di aspetti differenti, superfici e solidi, senza richiedere lunghi processi di conversione dei dati. Convergent Modeling, prima tecnologia di questo genere, consentirà ai progettisti di ottimizzare la progettazione delle parti per la stampa 3D, velocizzare l’intero processo di progettazione e aumentare il ricorso al reverse engineering nella progettazione dei prodotti, rendendolo al tempo stesso più efficiente. Inoltre, NX 11 introduce numerose migliorie in tutti gli ambiti della progettazione, produzione e ingegnerizzazione assistite da computer (CAD/CAM/CAE), come ad esempio una nuova generazione di CAE 3D basata sul software Simcenter 3D presentato recentemente, e una maggiore produttività CAM grazie a strumenti quali la lavorazione robotizzata e la fabbricazione additiva ibrida per aumentare la produttività.

“Siemens continua a investire nei propri prodotti chiave per offrire funzionalità innovative come il Convergent Modeling, che siamo convinti cambierà le regole del gioco nella progettazione digitale," afferma Joe Bohman, Vice President, Product Engineering Software, Siemens PLM Software. “Prevediamo che la tecnologia Convergent Modeling sarà un fattore chiave per lavorare in modo efficiente su geometrie a faccette. Questa tecnologia unica nel suo genere produrrà enormi risparmi di tempo e costi e contribuirà a eliminare i rifacimenti soggetti a errori, tipici del lavoro su geometrie scannerizzate. Inoltre supera i limiti tipici della modellazione CAD tradizionale nell’ottimizzazione dei pezzi per la stampa 3D. NX 11 semplifica il processo di progettazione e favorisce l’evoluzione della fabbricazione additiva, aiutando le aziende a raggiungere nuovi livelli di creatività nello sviluppo dei prodotti.”

La progettazione di prodotto si basa in parte sulla disponibilità di materiali e metodi produttivi. Le nuove tecniche come la tecnologia additiva aprono le porte alla realizzazione di progetti con disegni e forme che garantiscono livelli di prestazioni superiori. Naturalmente le tecnologie CAD convenzionali sono concepite per  metodi di produzione tradizionali e mostrano limiti precisi quando si devono ottimizzare i progetti per la produzione additiva. La tecnologia Convergent Modeling supera questi limiti, regalando ai progettisti la flessibilità necessaria per creare nuove forme ottimizzate, sfruttando i materiali e le tecniche messi a disposizione dalla fabbricazione additiva.

Allo stesso modo la modellazione convergente semplifica il lavoro su dati scannerizzati. Gli utenti di diversi settori, dal medicale alle auto fino ai beni di largo consumo, utilizzano sempre più spesso dati 3D acquisiti mediante scanner nei loro processi di progettazione. Il reverse engineering di progetti esistenti è da sempre un processo noioso e costoso, perché i dati scannerizzati richiedono un lungo lavoro di conversione manuale delle geometrie a faccette, che devono essere trasformate in superfici e solidi prima di poter essere utilizzate per la successiva modellazione. In particolare, le forme irregolari richiedono rifacimenti onerosi prima di poter essere utilizzate in processi di stampa 3D, progettazione di stampi, analisi o altre applicazioni. Il processo di reverse engineering può richiedere giorni o settimane. La tecnologia Convergent Modeling riduce drasticamente questo lavoro manuale acquisendo dati scannerizzati sotto forma di faccette che possono essere lavorate direttamente in NX 11, evitando così di mappare superfici, creare solidi o effettuare qualsiasi altra operazione manuale di creazione di forme.

Con il Convergent Modelling gli utenti possono cominciare subito a utilizzare i dati scannerizzati per creare stampi in base alla forma, inserirli in un assieme, analizzarli o svolgere qualsiasi altra operazione con il software CAD. Questa capacità, unita alla nuova funzione di Stampa 3D in NX 11 che consente di stampare progetti direttamente da NX, semplifica notevolmente il processo di fabbricazione additiva. Questo nuovo flusso rivoluzionario di scansione, modifica e stampa sfrutta le nuove funzionalità di stampa 3D di Microsoft e supporta il formato 3MF per garantire un’ampia compatibilità.

NX 11 introduce altre importanti migliorie. Simcenter 3D supporta ora tutte le funzionalità di simulazione in NX per prevedere le prestazioni dei prodotti. Simcenter 3D, disponibile anche come applicazione standalone, offre agli utenti di NX un’esperienza unica consentendo loro di passare continuamente dall’attività di progettazione alla simulazione e viceversa. Il software accelera il processo di simulazione integrando modifiche avanzate alla geometria, modellazione e simulazione associative e soluzioni multidisciplinari che integrano competenze specifiche di vari settori industriali. Solutori veloci e precisi consentono di effettuare analisi strutturali, acustiche, fluidodinamiche, termiche, cinematiche e di materiali compositi, oltre ad attività di ottimizzazione e simulazione multifisica. Con NX 11, Simcenter 3D introduce nuove funzionalità per la modellazione e la simulazione di macchine rotanti, un nuovo ambiente per l’acustica interna ed esterna, oltre a migliorie significative nell’analisi dei danni a strutture di materiale composito.

Le tecnologie avanzate di NX 11 per la produzione offriranno alle aziende manifatturiere maggiore flessibilità e precisione nelle lavorazioni meccaniche, oltre a ridurre i tempi di programmazione e migliorare la qualità dei pezzi. Le nuove funzionalità di programmazione robotica di NX CAM ampliano la gamma di lavorazioni in fabbrica, consentendo la lavorazione precisa di parti complesse e di grandi dimensioni con robot a sei assi e oltre. La lavorazione robotica consente di automatizzare operazioni manuali quali lucidatura e sbavatura, aumentando la ripetibilità per una migliore qualità dei pezzi. Inoltre, la funzionalità avanzata di riconoscimento delle feature automatizza la programmazione a controllo numerico di parti con numerosi fori, riducendo i tempi di programmazione anche del 60 percento. Il nuovo ciclo ad alta velocità per la programmazione di ispezioni con macchine a coordinate effettua misure con il solo spostamento della testa, senza movimentare gli assi lineari della macchina CMM. Questo nuovo metodo con teste di misura aumenta la precisione e la velocità dei cicli di ispezione fino a tre volte.

Per maggiori informazioni visitate www.siemens.com/plm/simcenter.


venerdì 9 settembre 2016

Mimaki presenta a Viscom Paris le stampanti inkjet con inchiostro UV di ultima generazione



Le nuove UJF-3042 MkII & UJF-6042 MkII garantiscono produttività, qualità e flessibilità di livello superiore


Mimaki, leader globale nella produzione di stampanti inkjet di grande formato e di plotter da taglio per i settori della cartellonistica/grafica, tessile/abbigliamento, imballaggio e industriale, presenta sul palcoscenico di Viscom Paris (6-8 settembre) i nuovi sistemi flatbed UV UJF-3042 MkII e UJF-6042 MkII destinati a sostituire rispettivamente i precedenti modelli UJF-3042HG e UJF-6042.
Queste stampanti di ultima generazione sono frutto del costante investimento di Mimaki in ricerca e sviluppo, con l'obiettivo di offrire soluzioni sempre leader di mercato. I nuovi sistemi offrono produttività, qualità di stampa e flessibilità ancora superiori rispetto ai modelli precedenti già di grande successo.
Dal nostro osservatorio registriamo un numero in forte crescita di stampanti con inchiostri UV installate in laboratori di produzione, centri commerciali e negozi di fai-da-te/ferramenta impiegate per la creazione di articoli personalizzati", commenta Mike Horsten, General Manager Marketing di Mimaki EMEA. "Queste nuove macchine rappresentano la soluzione ideale per questa tipologia di clienti poiché consentono una realizzazione ancora più rapida dei prodotti richiesti. Prevediamo inoltre un'accoglienza entusiasta anche nel settore delle insegne e della cartellonistica, alla ricerca di sistemi sempre più performanti sia a livello produttivo che economico". Compatibilità con una vasta gamma di applicazioni I nuovi sistemi UJF-3042 MkII e UJF-6042 MkII stampano con una velocità superiore del 20% rispetto alle versioni precedenti; inoltre, come la maggior parte delle soluzioni Mimaki, sono compatibili con diversi tipi di inchiostro, permettendo così un'ampia gamma di applicazioni. Gli inchiostri LUS-120, ad esempio, sono ideali per la decorazione di materiali flessibili come membrane per interruttori o cover per smartphone, poiché possono allungarsi fino al 170% senza incrinarsi quando vengono sottoposti a pressione o piegati. Gli inchiostri LUS-150, disponibili a breve per le nuove stampanti, sono particolarmente indicati per insegne da interni, trofei e altri articoli in acrilico grazie all’eccellente livello di adesione su questi materiali. Gli inchiostri rigidi LH-100 sono invece perfetti per accessori o articoli di cancelleria che devono sopportare elevati livelli di abrasione. Inoltre, se utilizzati con il primer inkjet PR-200 di Mimaki, gli LH-100 rappresentano la soluzione ottimale per stampa su vetro, metallo e resine, materiali solitamente difficili per gli inchiostri UV. Infine, Mimaki Clear Control (MCC), la vernice trasparente, può essere utilizzata sia per evidenziare aree con una finitura lucida spot o completa, sia per creare effetti a rilievo. I dettagli Per rispondere alle crescenti esigenze in termini di produttività e redditività espresse in settori come laboratori, retail e service di stampa, i nuovi sistemi UJF-3042 MkII e UJF-6042 MkII: •    Stampano rispettivamente a velocità massime di 2,48 m2/ora e 3,52 m2/ora su supporti con spessore fino a 153 mm, superando del 20% le prestazioni dei precedenti modelli. •    Dispongono di funzionalità meccaniche avanzate con un piano di stampa che si sposta durante il processo per ridurre le vibrazioni e assicura un posizionamento estremamente preciso dei supporti per risultati di alta qualità su una vasta gamma di oggetti e materiali. •    Preimpostano Mimaki Expand Color nel front-end digitale RasterLink per una riproduzione aggiornata dei colori che risultano pieni e vivaci, assicurando incarnati più luminosi. •    Garantiscono un funzionamento senza interruzioni con rilevamento automatico e pulizia degli ugelli intasati, e sopperiti dagli ugelli funzionanti per non interrompere il processo di stampa. Ciò riduce gli scarti causati dall’eventuale presenza di ugelli deflessi. La tecnologia Mimaki Circulation Technology (MCT) inoltre consente la circolazione dell’inchiostro bianco a intervalli regolari per evitare i sedimenti di pigmenti che possono provocare un malfunzionamento degli ugelli. •    Offrono massima sicurezza, anche per i sistemi installati nel settore retail, grazie al tavolo di stampa totalmente coperto che mantiene inalterata la qualità evitando la penetrazione di polvere e altri elementi contaminanti. "Siamo entusiasti di presentare queste nuove stampanti che saranno allo stand Mimaki di Viscom Paris insieme a una gamma completa di sistemi Mimaki leader del settore, tra cui UJV55-320 la inkjet roll-to-roll da 3,2 metri ideale per insegne retroilluminate, e Tx300P-1800 che offre elevata qualità di stampa su una vasta gamma di tessuti. Oggi più che mai Mimaki offre un portfolio completo di soluzioni adatte a tutte le esigenze e siamo certi che i visitatori di Viscom resteranno stupiti di fronte alla varietà di applicazioni che queste stampanti sono in grado di realizzare. Siamo impazienti di esaminare con loro le nuove opportunità commerciali a cui potranno accedere integrando le stampanti Mimaki nelle proprie piattaforme di produzione". Ulteriori informazioni su Mimaki e sulla sua ampia gamma di prodotti sono disponibili su www.mimakieurope.com e www.bompan.it. ###

giovedì 8 settembre 2016

Ferretti Group sceglie la tecnologia di Siemens PLM Software per ottimizzare la progettazione e la produzione dei suoi yacht



Ferretti Yachts e CRN hanno scelto Teamcenter e NX come software per la progettazione navale

Le soluzioni di Siemens contribuiranno a ridurre il time-to-market e ad abbassare i costi

Ferretti Group, leader mondiale nella progettazione, costruzione e commercializzazione di motori yacht e navi di diporto, ha scelto le soluzioni Siemens per la gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM) al fine di ottimizzare l’intero processo di sviluppo e progettazione dei suoi prestigiosi brand: Ferretti Yachts e CRN. Il Gruppo italiano utilizzerà il software Teamcenter®, il sistema PLM più diffuso al mondo, e NX™ la soluzione pienamente integrata per la progettazione, la produzione e l’analisi (CAD/CAM/CAE). Teamcenter e NX rappresentano il fondamento delle soluzioni navali di Siemens per la digitalizzazione della progettazione nautica e aiuteranno Ferretti Group a ridurre il time-to-market e i costi di produzione, mantenendo alta la qualità dei prodotti. Ferretti Group si affiderà anche al portafoglio Fibersim™ per migliorare ulteriormente i processi di progettazione e produzione dei materiali compositi.

Dopo una valutazione approfondita che ha coinvolto i principali vendor del mercato PLM, Ferretti Group ha scelto Siemens PLM Software per la sua capacità di gestire i dati di progettazione del prodotto provenienti dai differenti player PLM in un’unica piattaforma aperta. Questa decisione è in linea con la nuova strategia di business dell’azienda italiana che ha intrapreso una serie di investimenti finalizzati alla realizzazione di nuove imbarcazioni.

“Ci siamo sempre affidati alla nostra profonda conoscenza della progettazione navale unita alla migliore esperienza nella produzione artigianale”, ha dichiarato Giuliano Capizzi, Chief Information Officer del Gruppo Ferretti. “Ora abbiamo bisogno di digitalizzare questa conoscenza e automatizzare la produzione per migliorare l'efficienza globale e la sicurezza dei dati. Con le soluzioni PLM per la progettazione navale di Siemens, siamo in grado di ridurre tempistiche e costi digitalizzando l’intero processo e rendendo i dati fruibili attraverso Teamcenter, non solo alla filiera produttiva, ma a tutta l’azienda. Con NX avremo, invece, una maggiore velocità nella progettazione e realizzazione delle nuove barche e navi”.

I marchi Ferretti Yachts e CRN, insieme a Riva, Pershing, Itama, Mochi Craft e Custom Line di Ferretti Group, sono da sempre ai vertici del settore nautico grazie alla continua ricerca di prodotti all’avanguardia e soluzioni di processo innovative.

In particolare, Ferretti Yachts produce barche composite in vetroresina da 45 a 96 piedi, mentre CRN è dedita alla realizzazione di vere e proprie navi in acciaio e alluminio da 45 fino a 100 metri di lunghezza.

Per mantenere il proprio vantaggio competitivo, Ferretti Group prosegue la sostituzione dell’attuale sistema di progettazione a favore di NX al fine di stabilire un processo di sviluppo di prodotto 3D completamente integrato. I dipendenti di Ferretti Yachts e CRN avranno un accesso immediato alle informazioni necessarie per valutazioni rapide, processi decisionali e riutilizzo di pratiche consolidate.


“Le imbarcazioni create da Ferretti Group si caratterizzano da sempre per la grande qualità, l’elevata sicurezza e le ottime performance in mare, oltre che per l’esclusività del design e il fascino senza tempo che le rendono fortemente riconoscibili nel panorama nautico mondiale”. ha commentato Franco Megali, Managing Director Italy e MEA di Siemens Industry Software. 

“Siamo orgogliosi di questa collaborazione e Siemens PLM Software è impaziente di vedere come le nostre soluzioni aiuteranno Ferretti Group a realizzare il proprio processo di innovazione.”

Per maggiori informazioni sui prodotti e i servizi di Siemens PLM Software, visitate il sito http://www.siemens.it/plm

lunedì 5 settembre 2016

Siemens PLM Software annuncia il rilascio dell’ultima versione del software LMS Imagine.Lab™

Siemens PLM Software annuncia il rilascio dell’ultima versione del software LMS Imagine.Lab™.
La versione 15 di LMS Imagine.Lab è orientata verso la simulazione di sistema multi-dominio e offre un approccio di sviluppo aperto che va dalla modellazione funzionale fino alla progettazione di dettaglio.
La piattaforma è costituita da tre moduli: LMS Imagine.Lab Amesim™, LMS Imagine.Lab Sysdm e LMS Imagine.Lab System Synthesis.

LMS Imagine.Lab 15 porta una vasta gamma di miglioramenti volti a garantire un'esperienza utente uniforme attraverso tutte le fasi del ciclo di progettazione. Lo sviluppo di quest’ultima versione si è focalizzato in modo particolare sul miglioramento dell'efficienza del flusso di lavoro. L'ultima versione presenta nuovi e potenti strumenti di modellazione e di analisi che aiutano i dipartimenti di ingegneria a sviluppare prodotti migliori, in tempi più stretti e con una qualità superiore. L'interoperabilità è stata migliorata per fornire una perfetta e semplice integrazione di modelli.

Per soddisfare i requisiti specifici del settore che sono il risultato di normative ambientali, aspettative del mercato e vincoli economici, le caratteristiche di multi-dominio di LMS Imagine.Lab 15 sono state estese per migliorare la capacità di modellazione. Una nuova serie di interfacce specifiche per applicazioni permette una parametrizzazione e modellazione veloce, consentendo la valutazione delle performance funzionali dei sistemi. Queste nuove e più potenti funzionalità consentono di progettare prodotti corretti sin dalla prima volta e di soddisfare le esigenze del settore automobilistico, aerospaziale, attrezzature pesanti e meccanico.


“Il modello di frizione multidisco di LMS Imagine.Lab 15 aiuta Hyundai Motor Company a decidere rapidamente la strategia e l’idea di nuovi progetti di trasmissione. Predire il trascinamento della coppia e le prestazioni di una frizione multidisco bagnata d’olio in tutte le condizioni di guida rende possibile l’analisi delle nuove caratteristiche di efficienza di trasmissione e performance prima della fase di progettazione. Questo nuovo modello contribuisce ad una maggior sicurezza durante la fase di progettazione e una diminuzione di costi e tempi di sviluppo”, ha dichiarato DongWon Kim, Advanced Transmission Development Team di Hyundai Motor Company.