giovedì 1 dicembre 2016

Intel Joule la piattaforma IOT per l'automazione industriale

Intel ha annunciato una nuova piattaforma per l'Industrial IOT durante la conferenza IDF 2016 di San Francisco. Intel Joule è stato progettato specificamente per offrire una maggiore potenza di elaborazione e funzionalità avanzate, come il supporto per la registrazione di video 4K. La maker board con i chip Joule supportano la videocamera RealSense che può essere sfruttata dalle applicazioni di realtà virtuale e aumentata.

Intel Joule è dunque un system-on-module (SOM) ad alte prestazioni all’interno di un piccolissimo package a basso consumo. È quindi l’ideale per applicazioni che richiedono una elevata potenza di calcolo e per dispositivi con spazio limitato, come droni, robot autonomi, micro server e sistemi IoT industriali. Il modulo verrà offerto in due configurazioni, entrambe con sistema operativo basato su Linux. Gli sviluppatori possono utilizzare anche Ubuntu/Ubuntu Core (Snappy) e Windows 10 IoT Core.
Per saperne di più Link

lunedì 28 novembre 2016

Vodafone sceglie la piattaforma ThingWorx di PTC per uno sviluppo più rapido delle sue applicazioni IoT

PTC e il gruppo Vodafone hanno annunciato che la piattaforma IoT ThingWorx® di PTC è stata scelta da Vodafone per supportare lo sviluppo delle sue nuove applicazioni IoT.
Vodafone, già forte di una lunga e consolidata esperienza nell'ambito dei servizi cloud, di comunicazione, di connettività IoT e di servizi end-to-end in diversi settori come il manufacturing, l’automotive e i servizi assicurativi, potrà così fornire soluzioni IoT complete, mentre PTC, uno dei leader maggiormente riconosciuti a livello mondiale nella gestione software e nell’abilitazione di applicazioni IoT, si consoliderà come fornitore globale di piattaforme IoT.

Vodafone ha scelto ThingWorx in quanto piattaforma ideale per lo sviluppo e il tempestivo lancio sul mercato di nuove applicazioni IoT, aspetti che consentono alla sua strategia IoT di generare rapidamente valore. ThingWorx offre funzionalità di accelerazione dell'applicazione, gestione del dispositivo, machine learning e realtà aumentata e include componenti comuni applicabili praticamente a qualsiasi mercato, che permettono a Vodafone di personalizzare le soluzioni sulla base del loro successo in vari ambiti, settore automotive incluso. L'architettura della piattaforma cloud open di PTC consentirà invece a Vodafone di ospitare le soluzioni connesse sul proprio cloud o sull'infrastruttura del cliente aziendale.

"La strategia IoT di PTC si basa sulla fornitura della piattaforma IoT più efficiente e risponde alla domanda di creatori di soluzioni come Vodafone per lo sviluppo di applicazioni e offerte innovative in grado di trasformare o espandere il proprio business", ha dichiarato Jim Heppelmann, President e CEO di PTC. "Questa collaborazione rafforza ulteriormente l'approccio di PTC allo spazio IoT e non vediamo l'ora di lavorare con Vodafone per distribuire in tutto il mondo una vasta gamma di soluzioni connesse".

“Vodafone ha un ricco portfolio di servizi IoT e condivide le API con i suoi clienti e i loro team di sviluppo in un processo di co-creazione”, dichiara Ivo Rook, IoT Director di Vodafone. “Crediamo che combinando questi servizi con ThingWorx e il nostro più ampio ecosistema di partner potremo rapidamente sviluppare nuove capacità IoT per mantenere la nostra posizione di leadership e fare in modo che i nostri clienti traggano vantaggio dalle opportunità rese possibili dall’IoT”.


La piattaforma ThingWorx consentirà a Vodafone di sviluppare nuove applicazioni e servizi IoT  in settori come la sicurezza e le smart city.

martedì 22 novembre 2016

PTC e Hewlett Packard Enterprise collaboreranno allo sviluppo di soluzioni IoT



PTC e Hewlett Packard Enterprise (HPE) hanno annunciato un piano di collaborazione per favorire lo sviluppo di soluzioni convergenti IoT basate sul software ThingWorx di PTC e sui sistemi Edgeline di HPE. 

In base al piano, la collaborazione si concentrerà sugli usi in ambito industriale, incorporando le tecnologie della piattaforma IoT ThingWorx® di PTC e i servizi hardware e dati di HPE. L'ultimo esempio della soluzione combinata è stato presentato all'IoT Solutions World Congress di Barcellona lo scorso ottobre.

Si prevede che la collaborazione pianificata tra HPE, leader globale in campo informatico e nell'elaborazione dati, e PTC, leader nella visualizzazione e nella realtà aumentata, porterà allo sviluppo della migliore combinazione hardware e software del settore, soluzione che consentirà agli utenti di risolvere i problemi di gestione dei dati IoT e di prendere decisioni più efficaci a partire dai dati raccolti dai sensori. Dalla collaborazione tra PTC e HPE deriveranno tecnologie hardware e software complete, progettate appositamente per l'edge computing in ambito IoT, e soluzioni intelligenti e connesse. Tra i frutti di questa collaborazione vi sono, per fare qualche esempio, sensori, edge computing, analisi dati edge in tempo reale, machine learning e realtà aumentata.


"La collaborazione fra due aziende che puntano a vincere le sfide del settore è il modo più rapido per accelerare l'innovazione dell'IoT e creare un significativo valore aggiunto", ha affermato Andrew Timm, Chief Technology Officer di PTC. "Il lavoro che abbiamo svolto finora con HPE dimostra cosa sia possibile fare quando due aziende leader dell'IoT uniscono le forze con l'obiettivo comune di affrontare alcune delle più importanti sfide dell'IoT e sviluppare nuove soluzioni".


"L'IoT offre accesso a un'enorme quantità di dati contenenti preziose informazioni e che consentono agli utenti di dare impulso al business, alla progettazione e al raggiungimento di risultati scientifici rilevanti. Uniti alla connettività Aruba e alle tecnologie all'avanguardia di PTC, i sistemi IoT convergenti Edgeline di HPE rappresentano un'efficace combinazione per lo sfruttamento di tutto il potenziale di dati e informazioni rilevanti per i nostri clienti", ha commentato Tom Bradicich, VP & GM, Servers and IoT Solutions di Hewlett Packard Enterprise.

Per saperne di più Link

giovedì 20 ottobre 2016

BIMU un’ottima opportunità per sintonizzare domanda e offerta e aiutare l’Industria a ritrovare la giusta competitività


 La 30a edizione di BI-MU/SFORTEC, biennale internazionale della macchina utensile, robotica, automazione, tecnologie ausiliarie, subfornitura e servizi per l’industria, si è conclusa da poco con un grande successo di visitatori ed espositori.

Un successo condiviso anche da OPEN MIND Italia che, come nelle precedenti edizioni, ha scelto di essere espositore e partner attivo dell’evento.
Un’affluenza allo stand molto alta, composta naturalmente dai tanti clienti invitati direttamente, ma certamente fatta anche da numerose aziende alla ricerca di soluzioni tecnologiche affidabili e scalabili da scegliere per far evolvere progettazione e produzione manifatturiera, e non perdere competitività e opportunità commerciali nel proprio mercato di riferimento.

<<Siamo particolarmente soddisfatti dalla qualità dei visitatori>> ha detto Francesco Plizzari, Amministratore Delegato di OPEN MIND, <<ci siamo resi conto, infatti, che tra i tanti partecipanti molti sono passati a trovarci allo stand su segnalazione di nostri Clienti. Elemento questo che ci rende particolarmente orgogliosi della riconoscibilità sul mercato della nostra tecnologia come efficace, di qualità e ottimale per migliorare i processi produttivi. Inoltre, evidentemente anche la nostra strategia di offrire consulenza e di affiancare i clienti diventa elemento di soddisfazione e per noi fattore di promozione presso nuovi potenziali clienti.>>

Il prodotto che maggiormente ha caratterizzato l’offerta OPEN MIND nel 2016 e che ha suscitato più interesse nei visitatori è stato il pacchetto hyperMILL® MAXX Machining, efficace nelle lavorazioni tangenziali a 5 assi in cui le superfici con curvatura costante vengono lavorate molto velocemente con utensili a barile conici. Lavorazioni con l’utensile a barile conico, infatti, consentono di aumentare le prestazioni fino al 90% rispetto ai classici metodi di produzione. In hyperMILL 2017.1 sono comprese ulteriori nuove strategie per la lavorazione a 5 assi, sviluppate per velocizzare la produzione e ridurre l’usura di utensili e macchine.

Allo stand OPEN MIND ha presentato numerosi pezzi realizzati da clienti come BENOZZI ENGINEERING e AG Techniks, con macchine diverse ma tutti prodotti grazie ad hyperMILL e ai suoi moduli come quelli per la tornitura o la fresatura.
Certamente l’elemento più ammirato è stato l’esemplare di moto Cheiron del Cliente FUTURMECC progettata in 3D e realizzata con programmi di alta precisione per fresatura CNC, il cui telaio è stato lavorato dal pieno e realizzato in Ergal 7075 T6, una lega di alluminio unico, con una forza incredibile carico di rottura di 76.000 psi. Il telaio stesso pesa solo 22 kg. Queste qualità sorprendenti sono il motivo per cui questa lega è spesso usata nell'industria aerospaziale.


Informazioni per chi non è passato in fiera sono disponibili scrivendo a  Info.Italy@openmind-tech.com

mercoledì 19 ottobre 2016

Nuova versione dei componenti software D-Cubed




Siemens PLM Software annuncia il rilascio di una nuova versione dei componenti software D-Cubed™.
I componenti D-Cubed vengo utilizzati da numerosi fornitori di software indipendenti nei settori CAD, CAM, CAE e AEC.
Tutti i sei componenti D-Cubed sono stati migliorati per potenziare le performance e la funzionalità delle applicazioni, inclusi il disegno, la progettazione parametrica e la modellazione, il controllo di collisione, la simulazione del movimento e la documentazione tecnica. Le nuove funzionalità comprendono una nuova risoluzione dei vincoli, elevate performance computazionali e gestione della memoria personalizzata.


Per maggiori informazioni su D-Cubed clicca qui